Una spedizione allo Stretto di Magellano

0 1472

Ilcome le nuvole hanno un forte aspetto drammatico a Isla Riesco, Al sur de Chile . Turbinii di scuro si moltiplicano bianco grigio e luminoso nel cielo all'alba rosa e con il suo volume di odd-dimensionale sembra sempre più vicino alla terra per annunciare un bravo temporanea. La nave è appena salpata per lo Stretto di Magellano , come mitico viaggio attraverso la sua storia e le sue onde riottosi. Sul ponte, Qualcuno ricorda che è Martedì 13 Bit-data raccomandato dal superstizioso di andare in alto mare e riesce a sconvolgere molti dei passeggeri. Un po 'di zapping Jerome, preoccupazione è ridotto ad un aneddoto, quando tre delfini saltano fuori dall'acqua e la nave accompagnata da un tratto. Tale Hosting, dice il capitano, Sigilli buona fortuna per il resto del viaggio. Passaggio, dissipa i cattivi presagi del vecchio detto che il giudizio: "Martedì 13: nei casi ni te le spedizioni te ". Almeno, fantasmi via a salpare.

Prima dell'alba abbiamo lasciato in un furgone da Punta Arenas , sulla punta meridionale del Cile, Comune per il Green River , direzione nord-ovest, dove un traghetto ci porterà a Isla Riesco. Attraversare il centro della città capoluogo della Regione di Magallanes e Antartide cilena, le cui case dei primi del XX secolo, con tetto a due falde colorate dare un tocco inglese indiscussa. Molti di loro sono diventati ristoranti esclusivi, pieno di turisti provenienti da diverse latitudini di ripercorrere le rotte degli antichi marinai e tracciare le megattere.

Lontano dal centro aperto grandi allevamenti di bestiame al porto, limite della Penisola Brunswick, dove si spera che il "Blue Bay Valparaiso" da attraversare per l'altro lato. Lo scenario non cambia molto a Isla Riesco , dove abitazioni rurali si moltiplicano lungo la strada sterrata che conduce ad una piccola spiaggia. Da lì due barche semi-rigide ci riportano alla nave "Forrest" in attesa su una baia di riparazione. Juan José Salas, uno dei suoi proprietari e guida la spedizione, tirarci a bordo con una sontuosa colazione che ci sveglia completamente dopo l '"effetto ninna nanna' del furgone.

Dopo ospitare i bagagli nelle cabine assegnate correre sul ponte per assistere l'inizio della navigazione del Otway verso lo Stretto di Magellano. Questo passaggio naturale tra l'Atlantico e il Pacifico, prende il nome dal navigatore portoghese Ferdinando Magellano (1470-1521), quali il servizio della corona spagnola scoperto navigando in cerca di una via per le Indie Orientali. Per molti secoli, fino all'apertura del Canale di Panama, nel 1914 - questo è stato il più importante stretto corridoio mondo oceanico.

Lasciando le rive del canale Jerome, dove enormi cascate rigogliose foreste aperte, Abbiamo deciso di esplorare la nave, oltre 26 lungo metri e quasi 7 metri di larghezza. Intanto, analizzato alcuni passeggeri su una carta geografica il percorso da seguire per i prossimi tre giorni; altra recensione libreria, piena di libri là che studiano oceanografia e un album di code di balena foto, battezzato con nomi diversi, per l'identificazione quando visualizzato.

Per la sua spedizione, Forrest-capable 20 Passeggeri e 11 equipaggio ricorda il "Calypso", che navigato i sette mari al comando di Jacques Cousteau. Come noi, Esploratore francese ha anche fatto un giro dei canali del sud del Cile in cerca delle balene megattere acrobatici, che abbondano in queste acque tra dicembre e la fine di maggio, dove vanno in cerca di cibo.

Navigato, e lo Stretto, una velocità di crociera di 8 Nodi Chak verso successo, del reddito a Barbara Canale, dove avremo modo di ancoraggio per la notte. Con viento a favor, potremmo realizzare 15 nodi, ma soffia contro e il mare è molto mosso, come evidenziato da un improvviso ribaltamento della nave che trasporta bicchieri e piatti al pavimento. Niente di meglio che fornire un pisco sour schiumoso, preparato da Ricardo-barista, airone e, con il passare dei giorni, quasi una "nana" - per attraversare il primo picco di adrenalina Crossing.

A 4 sono la barca comincia a dondolo. E quel suono particolare, come indossato cerniere curiosamente associato, come la luce dell'alba, una promessa. Quindi essere costa poco per vedere come si rompe un giorno di veglia, a 5.30. Il GPS indica che abbiamo lasciato l'Isola Englefield, dove persino anni 70 vivieron los Kaweskar, canoisti nomadi indigeni, la cui popolazione si ridusse a quasi nulla.

Indica uno schermo verde in salotto entrare Francisco Coloane Marine Park, 67.000 ettari di costa protetta, che si estende tra le isole Riesco, St. Agnes, Carlos III e la penisola di Brunswick, nella regione antartica cilena. Dalle finestre di decine di procellarie grigio e gabbiani galleggiano sul mare e prendere il volo come sono sulla Forrest, Ora girare a destra dove, via, li getti di vapore indicano che siamo in zona balene.

E 'nuvoloso e freddo, ma niente in amedrenta: subito dopo 8.30 Siamo sul ponte, palmare, come cacciatori pazienti. Anche gli stercorari coraggiosi, minacciando che volano sopra le nostre teste, riescono a muoversi. Passato l' 10.30 Seno Ballena e navigato, chiaro, ci sono. All'inizio, megattere visto lasciando poco: questo perché il cibo è troppo profonda. Presto, ripreso il loro impulso a tuffarsi alla ricerca di nuovi motivi ed è il momento per ottenere l'immagine desiderata come coda-board-catalogo di "Maria". Proprio il loro aspetto, quasi cinematografico, pantaloni per iniziare ad ascoltare a babordo ea tribordo. Corriamo da un luogo all'altro per scegliere il miglior colpo fino a quando ci arrendiamo alla più importante: assistere alla coreografia seducente di due balene e dei loro vitelli, movimenti di cui giocoso possono continuare anche sotto l'acqua, chiaro come i Caraibi. Quasi la stessa dimensione come il diritto del sud (circa 16 metri di lunghezza), questa balena non ha pinna dorsale e arcuata e la sua testa è appuntita. Ma è una tale esibizionista come questo: non resistere lampeggia e continuare lungo la barca, anche se il corso passa al Rupert isolotto dove orche abbondano, il loro predatore temibile.

Dopopranzo, uscì nelle barche al ghiacciaio Santa Inés, sull'isola omonima. Nella zona ci sono almeno 150 scorre giganti di ghiaccio, nord, nel grande campo di ghiaccio dove il Parco Nazionale Torres del Paine.

Sulla strada, Foresta di Valdivia traboccante dimostrato che le persone nelle isole di pino. Infine, domina la massa di ghiaccio. Ci stiamo avvicinando al limite del possibile, come abbiamo navigato delicatamente tra pinguini di Magellano che galleggiano in acqua senza batter ciglio (vedi Safety Pin )- E guardare nel dettaglio i tunnel intricati aghi blu e bianco. Siamo atterrati sulla spiaggia e ha preso un sentiero solitario che parte dal ghiacciaio e cespugli interne al bordo di un fiume di scioglimento della neve. Alla croce, il terreno sale la foresta intricata di un punto di vista: il posto giusto per assistere ai riti amorosi snello cormorano, nidificazione nella roccia circostante ghiacciaio.

A circa 19 torna alla nave madre, che rientra lo Stretto di Magellano. Dopo la riparazione doccia calda, il barista ci accoglie nella sala da pranzo con un baccello snack-cacao, sherry, porto, tuorlo d'uovo e cannella-ombra attesa per la cena, sarà quello di "tramonto", in giro 22, quando il sole comincia a nascondersi, timidamente. Poco prima che ancorano tempo in Estero Condor, la nostra ultima notte in mare.

Molto presto abbiamo pesato l'ancora e salpare verso l'Estero Núñez . Si svegliò con un sole cocente e la temperatura, Finora 15 ° C, inspiegabilmente salito a 27 º C. Con questo clima, è meno strano assimilare la presenza di fitti boschi nelle isole inospitali che si incrociano e, in cambio, una vera benedizione pezzi salvati da acqua ghiacciata per raffreddare. Galleggiano intorno le barche e gli smottamenti sono i ghiacciai delle Ande della Patagonia, la maggior parte inesplorate. Meltwater cascate di montagna verso il basso formando fiumi e farsi strada a piccole valli. Alcuni ghiacciai, anche, come fiumi di ghiaccio fino ai fiordi della costa occidentale, zona era una volta, anche, dominio del los ágiles Kaweskar.

A Dolphin Bay , all'interno della foce, sbarcati ad affrontare la sfida di un aumento richiesto da una foresta di felci, cipresso e cannella, dove si deve sfondare con le proprie mani, come non ci sono sentieri segnati per forzare machete. In tutte le isole della zona sono piogge intense durante l'anno e danno vita a giungle di spessore, composta da specie arboree sempreverdi.

Le stesse caratteristiche si vedono sul lato sud di Isla Riesco , dove facciamo la nostra ultima spedizione. Siamo atterrati a metà pomeriggio su una spiaggia rocciosa bassa. Un salto atletico permette aggrappato a un ramo di cipresso provvidenzialmente sembra essere cresciuto in questo punto di atterraggio improvvisato. Deve iniziare subito ascendente da un terreno coperto pendenza continua in torba (materiale spugnoso, costituito da più strati di residui vegetali in decomposizione) e conifere.

Il percorso è ricco di cascate e alte scogliere. Cipresso Proprio quando la parete è trasferito è un grande corso che si estende a Laguna Escondida. Che l'ultima parte della salita mostra il terreno coperto di piccoli fiori rossi che spiccano in mezzo alla folla, colore marrone. Questo è il uniflora drosera, una pianta carnivora che si nutre di zanzare e diventa, pertanto, un alleato di visitatori, inseguito da questi insetti, proliferanti nel terreno acquoso.

A questo punto la strada si deve muovere con attenzione: ad ogni passo i piedi sono immersi e di acque sotterranee che emerge, combinato con una tipica alga marrone del sito, Macrocystis pyrifera, campo si trasforma in una pista di pattinaggio. Impossibile dimenticare il tuo nome dopo affondato nel materiale gelatinoso che non puzza di profumo francese.

L'avventura, tuttavia, ne vale la pena. Perché consente di imparare un po 'di più la Patagonia cilena, dove permafrost coesistono con la foresta Valdiviana, hai visto di colori tropicali insolite.

E non si può ignorare il panorama attuale, impossibile da realizzare in parole. Se all'inizio della navigazione ci siamo sentiti discepoli timidi di Jacques Cousteau, dopo soli tre giorni siamo in grado di capire l'arco anima che ha guidato gli antichi marinai, in condizioni estreme sono stati determinati a trovare un percorso per le Indie Orientali. Come coloro, siamo colpiti dalla bellezza incontaminata di questo paesaggio desolato hanno chiamato New World, che molti di loro catturati a loro di perdere la sanità mentale.

Posteado it: http://www.clarin.com

Contrassegnati con:

Altri sviluppi